Le nuove comunicazioni IVA per l’anno 2017

0
354

INFORMAZIONE DI SERVIZIO A CARATTERE DI URGENZA

La Legge di Bilancio 2017 che prevede:

1) l’obbligo per i soggetti passivi IVA di trasmettere i dati delle fatture emesse o ricevute, non più una volta l’anno ma ogni 3 mesi;

2) l’introduzione di una nuova comunicazione trimestrale per trasmettere all’Agenzia delle entrate, i dati riepilogativi di tutte le operazioni di liquidazione periodica IVA.

3) che le nuove norme e adempimenti entrino in vigore a partire dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre del 2017.

A partire dal 1°GENNAIO 2017, i soggetti passivi IVA sono obbligati a comunicare entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre, per via telematica all’Agenzia delle entrate:

1) Tutti i dati di tutte le fatture emesse, ricevute, variate e registrate;

2) Una comunicazione sintetica dei dati contabili riepilogativi delle operazioni di liquidazione dell’imposta.

Nella nuova disposizione rientrano tutte le operazioni IVA fatta eccezione per i contribuenti nel regime dei minimi che ne sono esclusi.

A partire dal 1° gennaio 2017, i contribuenti soggetti passivi IVA, sono obbligati a trasmettere per via telematica, al posto dello Spesometro 2017 annuale, 2 nuovi tipi di comunicazioni:

Una comunicazione trimestrale dei dati delle fatture emesse e ricevute: contente i seguenti dati:
Dati identificativi dei soggetti con i quali si sono svolte le operazioni;
Data e numero delle fattura;
Base imponibile;
Aliquota applicata;
Imposta,
Il tipo di operazione.
Una comunicazione trimestrale dei dati delle liquidazioni periodiche IVA: tutti i dati contabili riepilogativi delle liquidazioni periodiche dell’imposta, anche se a credito.
Sanzioni per omessa comunicazione trimestrale IVA, infedele o incompleta:

Le sanzioni 2017 per i contribuenti che omettono la comunicazione trimestrale IVA, o la trasmettono in modo infedele o incompleta di qualche fattura o dato, sono:

Omessa o ritardata trasmissione dei dati relativi ad ogni fattura: sanzione minimo 2 euro per fattura ad un massimo di 1.000 euro a trimestre
Omessa, incompleta o infedele comunicazione delle liquidazioni periodiche: sanzione minimo 500 euro a massimo 2.000 euro
Alla luce di quanto sinora esposto e al fine di evitare spiacevoli inconvenienti per la gentile clientela, certi nella più totale collaborazione volta ad evitare inutili oltre che onerose SANZIONI a vostro carico, si chiede di voler conferire tutta la documentazione contabile (fatture emesse, copia chiusure mensili registro corrispettivi, ricevute fiscali emesse, fatture di acquisto,…) rispettando le seguenti scadenze:

PER LE AZIENDE CON LIQUIDAZIONE TRIMESTRALE
Documenti relativi al periodo 01-01-2017/31-03-17 entro e non oltre il 10 aprile 2017
Documenti relativi al periodo 01-04-2017/30-06-17 entro e non oltre il 10 luglio 2017
Documenti relativi al periodo 01-07-2017/30-09-17 entro e non oltre il 10 ottobre 2017
Documenti relativi al periodo 01-10-2017/31-12-17 entro e non oltre il 10 gennaio 2018
PER LE ZIENDE CON LIQUIDAZIONE MENSILE
Entro il giorno 10 del mese successivo rispetto alla data di emissione del documento.

VANGI FRANCESCO
Via degli Arredatori n.8 70026 Modugno
P. IVA 05066160721 Tel. 0805354422 Fax 0805352887
www.studiovangi.it – saveriovng@gmail.com

 

LASCIA UN COMMENTO